sabato 23 agosto 2008

Tempo e Template

Vale per tutto, ma il tempo è risorsa preziosa ancor più quando si parla di blog.
Credo che sia un problema di mancato adattamento. Adattamento della specie umana al blog, intendo. O forse, piuttosto, agli strati che soggiaciono ad un blog, che non sono poi così trasparenti come vogliamo credere.
Sì, perché in un
blog, il tempo non è solo quello del post, cioè il tempo impiegato per scrivervi qualcosa ogni tanto. Il tempo è soprattutto quello (anche se forse solo puntuale, che so, quando lo si crea, quando lo si termina, quando ne si ridefinisce il look, e così via) di decidere la presenza, intesa come 'vera apparenza' ;-) del blog.

Ecco allora che stasera ho dis(perso) abbastanza tempo per trovarmi una apparenza bella e pronta tra le tante che ti offrono in rete: cioè, un
template.

Il template ti consente di impaginare e controllare graficamente quanto sta sul tuo blog ma, si sa, la tentazione di adattamento e modificazione, che è parte del processo di personalizzazione o, inglesando, customizzazione, è impressionante. E non si è mai contenti. O, almeno, io non sono quasi mai contento di come si sta presentando qualcosa che sto facendo e la tendenza al mutamento è continua.

Ecco allora che:

  • o cerchi in rete, tra videate di micro snap-shot, quella che meglio approssima la sagoma mentale che hai per il tuo blog o,
  • provi a modellarne una tu, partendo da ciò che vedi, da qualche consiglio che leggi, da amici che interpelli, o da qualche Manuale che nel proprio Assoluto Sapere avrà anche la Via per te.

Insomma, l'esigenza e la voglia di presentare le cose sul web in un certo modo è sempre più pressante ma, e concludo (tanto a questo punto ho violato almeno la metà delle regole che si addicono ad un ben et bel web writing), mi sembra che non sia ancora disponibile quella naturalezza dell'impa(o)stare sul web come con una penna sulla carta, con la plastilina tra le dita o con il cucchiaio per il sugo nell'intingolo profumato.

Umm... la cena mi chiama... ciao!